Come si cura l’acufene?

0
2
come si cura l'acufene

Per quanti si chiedono come si cura l’acufene, la ricerca medica negli ultimi anni ha dimostrato che chi è interessato da questo problema ha una qualche forma di perdita dell’udito, ragion per cui si tratta di una patologia da non sottovalutare.

Per alcuni, questa perdita dell’udito può essere così minima, o influenzare una banda di frequenze dell’orecchio così ristretta, che il paziente non se ne rende nemmeno conto.

Per gli altri, il calo dell’udito potrebbe essere più importante al punto tale da richiedere di essere trattato con apparecchi acustici, i quali possono aiutare a ridurre gli effetti dell’acufene.

Studi scientifici, medici e audiologici hanno dimostrato che il trattamento della perdita dell’udito con apparecchi acustici può in effetti avere degli effetti benefici sui pazienti che ne sono interessati.

Pertanto, in presenza di acufene, può essere una buona idea fare un test dell’udito per vedere se questo è accompagnato da abbassamento dell’udito o meno, e che eventualmente potrebbe essere trattato con moderni apparecchi acustici.

Ma come accennato non tutti coloro che soffrono di acufeneo iperacusia registrano per forza una perdita uditiva che richiede un trattamento.

Come si affronta e come si cura l’acufene?

acufene rimedi naturali
Business man covering his ears.

Come convivere con l’acufene? La risposta a questa domanda è individuale. Ogni paziente deve trovare il proprio modo di affrontare l’acufene in base alla propria situazione. In generale, si raccomanda di evitare lo stress e di riposare. Può anche essere una buona idea evitare situazioni rumorose, mentre gli esercizi di rilassamento possono in effetti aiutare.

Molti si rendono conto che la loro percezione di acufene aumenta bevendo caffè, alcool o fumando, per questo è bene limitarne il consumo. Anche la terapia del suono può aiutare alcuni pazienti. Per altri, terapie alternative come l’agopuntura, la chiropratica e l’ipnosi possono attenuare gli effetti dell’acufene ma non risolverlo in maniera definitiva.

È comunque importante sottolineare che gli effetti di queste terapie alternative non sono stati documentati scientificamente. Per cui molti si chiedono: un giorno ci sarà una cura per l’acufene? E come si cura l’acufene al momento?

È difficile prevedere cosa accadrà in futuro. Pertanto, la risposta a questa domanda è “forse”. La conoscenza scientifica degli acufeni è migliorata molto negli ultimi anni, e al momento la soluzione in grado di dare le risposte più efficaci ai pazienti è rappresentata dalla terapia T.S.T. di acufene clinic.

Ecco ad ogni modo alcuni accorgimenti che possono essere di grande aiuto per chi è interessato da acufene o iperacusia. Si tratta di semplici suggerimenti che possono essere utili per superare il ronzio costante che il soggetto interessato da acufene avverte nel suo orecchio:

  • Evitare l’ansia e lo stress
  • Riposare correttamente ed evitare l’affaticamento
  • Evitare l’uso di stimolanti del sistema nervoso, come caffè (caffeina), alcol e tabacco (nicotina).
  • Dormire con la testa reclinata utilizzando uno o due cuscini extra
  • Essere consapevoli del fatto che l’acufene è solitamente più evidente di notte quando l’ambiente è calmo. Qualsiasi rumore nella stanza, come il ticchettio dell’orologio o la radio a basso volume, aiutano a mascherare l’acufene rendendolo meno fastidioso.
  • Usare un generatore di suoni bianchi se lo si trova utile
  • Evitare situazioni che possono danneggiare ulteriormente l’udito (rumori eccessivi) e proteggere le orecchie da lesioni e rischi sul luogo di lavoro, utilizzando protezioni per l’udito quando necessario.

Si tratta di soluzioni per le quali alcune persone ottengono un grande sollievo, sebbene non siano definitive. La consulenza di uno specialista è ovviamente utile, specialmente se la persona ha paura perché crede di avere una malattia grave e progressiva. Delle volte inoltre, il rumore dell’orecchio è causato da infezioni presenti nell’orecchio medio, e gli antibiotici possono aiutare a risolvere il problema. Ad ogni modo la fiducia che fornisce lo specialista aiuta a far diminuire queste paure e ansie.